di amori bisessuali, Maometto, commercio d’armi e poesia: La vita folle di Arthur Rimbaud

Ho dei miei antenati Galli l’occhio blu slavato, il cervello stretto e la goffaggine nella lotta. Trovo il mio vestire barbaro quanto il loro. Ma non mi spalmo di burro i capelli […] Mi è ben chiaro che sono sempre stato di una razza inferiore.
pag14-B-rimbaud
Il viso da bambino di Rimbaud da giovane, una delle 2 fotografie esistenti del poeta

E’ il 20 Ottobre 1854 quando a Charleville nasce Arthur Rimbaud, che qualche anno dopo parlerà così di se stesso nel suo capolavoro letterario, une saison en enfer. Diversamente da molti altri letterati però non saranno soltanto i suoi versi – criptici ma rivelatori- né il suo stile -laconico ma esauriente- a consegnarlo alla storia. Arthur sconvolgerà per sempre la letteratura francese e mondiale cantando velenosamente azioni e riflessioni della sua folle -ma nel contempo irresistibilmente affascinante- esistenza. Le sue sentenze quasi mistiche, i suoi versi virulenti, i suoi racconti assurdi non possono essere davvero compresi e apprezzati senza conoscere le esperienze da cui sono nati.

Je est un autre

Continue reading “di amori bisessuali, Maometto, commercio d’armi e poesia: La vita folle di Arthur Rimbaud”

Londra

//Nere ambientazioni di parchi desolati,

Un cielo blu cobalto

Tempestato di candide macchie bianche

Un nuovo mondo in mezzo a un mare d’aria

 

Vedo panchine vuote

Alle luci del giorno fedeli testimoni

Dello svolgersi della vita;

Inerte la notte, raccontano paura e solitudine.

 

Il fruscio degli alberi

I cui rami pieni di vita si muovono leggiadri

Come il mare in lontananza

E’ la pace di Londra, il cuore della mattanza.

 

Ho visto uomini muoversi nel sottosuolo

Assomigliavano a macchine

Forse guidati da una forza interiore

Non riesco ancora a capire: liberi o controllati?

 

Ho visto uomini e donne,

Bianchi e neri,

Trovarsi nei parchi

E non perdersi in superflue apparenze

 

Ma ho visto uomini mordersi

Arricchirsi alle spalle degli altri

E poi tornare nel sottosuolo

Al ritmo degli altoparlanti.

 

L’intensità del mattino si perde

Nell’immensità della notte

Fatta di jazz club, di birra e di serenità

Libera libertà, reali virtù. C’è speranza.\\

Continue reading “Londra”

Dostoevskij legge Hegel in Siberia e scoppia a piangere

Dostoevskij fa sentire la sua voce nel nome degli esclusi dalla festa universale, quelli che Schiller aveva già condannato, nell’Inno alla gioia, a correre via in lacrime dalla massa di milioni di uomini felici e festeggianti. Leggendo Hegel Dostoevskij poteva senza dubbio provare che neppure lui era avvolto nel firmamento di stelle di Schiller e non gli rimaneva altro da fare che scoppiare a piangere. E allo stesso tempo ribellarsi. Questo libro è la Bibbia della ribellione. Il suo collante non è la dialettica in grado di spiegare tutto, bensì la sofferenza e il pianto; in esso la speranza e la fede nel miracolo crescono in pari misura con la crescita della disperazione.

(László F. Földényi)

Continue reading “Dostoevskij legge Hegel in Siberia e scoppia a piangere”

di Nietzsche, Brahma, Buddha ma soprattutto noi stessi: Siddharta e l’ansia di “trovarsi”.

La copertina azzurrina dell’Adelphi riuscirebbe a conferire un’aura nel contempo mistica ed intrigante a qualsiasi libro. Quando poi ci si imbatte nelle prime pagine di Siddharta lo sfondo indiano-buddhista e il linguaggio artificioso ed aulico del capolavoro di Herman Hesse infondono al lettore la certezza di aver tra le mani un’opera estremamente singolare, lontana dalla modernità e dalle tematiche e problematiche della nostra quotidianità.

Chi non si lascia scoraggiare impiega però ben poco tempo a realizzare che quel giudizio iniziale fosse profondamente errato e che se Siddhartha ha toccato i cuori di milioni di giovani e meno giovani per ben 94 anni dalla sua prima pubblicazione è perché, nascondendosi dietro a un velo di misticismo orientaleggiante, Siddhartha parla di noi, a noi.

Continue reading “di Nietzsche, Brahma, Buddha ma soprattutto noi stessi: Siddharta e l’ansia di “trovarsi”.”