Emilio Caja

scrivo per piacere,

assecondo una forte tensione che mi porta a rifugiarmi nella scrittura per ritrovarmi nel grigiore cittadino,

parlo d’arte e di cultura cercando di stimolare dibattito e idee indipendenti e     (se necessario) anticonvenzionali,

nel mio girovagare per Milano e per il mondo cerco e osservo la bellezza e mi emoziono di fronte a questa,

inseguo esperienze lontane e diverse per farne storie.

Nulla, però, mi tiene vivo e mi ispira come la lettura, che mi permette di volare non solo nel mondo ma anche nel tempo.

America 1960’s: Beat Bop Generation

Dostoevskij legge Hegel in Siberia e scoppia a piangere

Londra

Come diventare se stessi – David Foster Wallace

Il paradosso di Hegel

Possibilità

Omaggio a La La Land

La città di tutti

La città di tutti – Periferie